Seleziona una pagina

Leggi questo breve articolo e scegli la porta che fa per te

Le porte interne sono degli elementi imprescindibili in una casa perché, innanzitutto, separano e uniscono i vari ambienti, ma possono diventare anche degli elementi di arredo. Scegliere bene le porte interne vuol dire ottenere qualità come robustezza, estetica e durata. Ci sono infatti moltissime varietà di porte che si adattano ad ogni esigenza visiva e di spazio, facendo attenzione ai materiali e alle finiture. Gli scopi delle porte interne sono ben precisi, come delimitare gli spazi di un’abitazione, donare privacy a chi si trova in una stanza delimitata dalla porta, attutire suoni e rumori e aggiungere dettagli estetici all’ambiente.

Tipi di porte interne

Le porte interne suddividono in tre categorie principali, facendo riferimento al sistema di apertura e chiusura.

  • A battente: è la più conosciuta, può essere ad una o due ante, liscia o suddivisa in pannelli
  • Scorrevole: serve ad utilizzare sapientemente gli spazi, soprattutto quando sono esigui. L’anta può scorrere all’interno del controtelaio incassato a scomparsa nel muro, oppure può scorrere su dei binari all’esterno della parete accanto al telaio. Questo tipo di porte può avere anche due ante, solitamente apribili su due pareti: nel caso in cui non ci sia lo spazio sufficiente per l’apertura su due pareti si può inserire un controtelaio (nei muri che abbiano uno spessore maggiore di 17 cm) così da contenere entrambe le ante.
  • A libro: è composta da due o più pannelli che, aprendosi, si sovrappongono a pacchetto, dimezzando in questo modo l’ingombro. Le porte a libro sono utilizzate per sfruttare razionalmente lo spazio in alternativa alle porte scorrevoli, quando non si possono effettuare dei lavori per l’anta a scomparsa e non c’è lo spazio sufficiente a lato della porta per lo scorrimento esterno dell’anta.

Vuoi saperne di più sulle nostre porte interne? Contattaci per richiedere un preventivo >>